Ultima modifica: 4 Ottobre 2021
> Newsletters > Somministrazione di farmaci SALVAVITA e/o farmaci INDISPENSABILI

Somministrazione di farmaci SALVAVITA e/o farmaci INDISPENSABILI

Ciao Iscritto

in data odierna è stata inserita la seguente circolare nel sito

Somministrazione di farmaci SALVAVITA e/o farmaci INDISPENSABILI.

Pontecagnano Faiano, 4 ottobre 2021

 A tutti i Docenti 

Ai Genitori

Al Personale ATA

Atti Albo

                                                                                                                                                                         Oggetto: Somministrazione di farmaci SALVAVITA e/o farmaci INDISPENSABILI.   Il Dirigente Scolastico, in riferimento alla “Somministrazione di farmaci SALVAVITA e/o farmaci INDISPENSABILI”, VISTO il Decreto Legislativo 31 Marzo 1998 n. 112 concernente il “conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni e agli Enti Locali”; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 8 Marzo 1999 n. 275 concernente il regolamento per l’Autonomia scolastica; VISTA la Legge 8 novembre 2000 n. 328, legge quadro per la realizzazione del sistema integrato d’interventi e servizi sociali; VISTO il Decreto Legislativo 30 Marzo 2001 n. 165, concernente “norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche”; VISTA la nota MIUR protocollo n. 2312/Dip/Segr. del 25.11.2005 con la quale sono inviate le “Linee guida per la definizione degli interventi finalizzati all’assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico” a firma dei Ministri del MIUR e della Salute; VISTO il C.C.N.L. del comparto scuola 2016/2018 sottoscritto in data 19.04.18, art. 28, comma 4; PREMESSO che “la somministrazione dei farmaci deve avvenire sulla base di specifiche autorizzazioni (medico e famiglia) e che non deve richiedere il possesso di cognizioni specialistiche di tipo sanitario, né l’esercizio di discrezionalità tecnica da parte dell’adulto” (art. 2 delle suddette Linee Guida); CONSIDERATO che l’omissione nella somministrazione di farmaci salvavita potrebbe causare gravi danni alla persona che ne necessita; dispone la seguente procedura per quanto previsto in oggetto.   Con la nota MIUR protocollo n. 2312/Dip/Segr. del 25.11.2005 il Ministero dell’Istruzione ha ricordato le modalità per la somministrazione dei farmaci a scuola oltre ad avere realizzato e fornito una nuova modulistica che si allega. Dalla nota emerge che:
  • La somministrazione di farmaci in orario scolastico deve essere formalmente richiesta dai genitori degli alunni o dagli esercitanti la potestà genitoriale, a fronte della presentazione di una certificazione medica attestante lo stato di malattia dell’alunno con la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (conservazione, modalità e tempi di somministrazione, posologia).
  • Il Dirigente Scolastico, a seguito della richiesta scritta di somministrazione di farmaci:
- effettua una verifica delle strutture scolastiche, mediante l’individuazione del luogo fisico idoneo per la conservazione e la somministrazione dei farmaci; - concede, ove richiesta, l’autorizzazione all’accesso ai locali scolastici durante l’orario scolastico ai genitori degli alunni, o a loro delegati, per la somministrazione dei farmaci; - verifica la disponibilità degli operatori scolastici in servizio a garantire la continuità della somministrazione dei farmaci, ove non già autorizzata ai genitori, esercitanti la potestà genitoriale o loro delegati. -    Gli operatori scolastici possono essere individuati tra il personale docente ed ATA che abbia seguito i corsi di pronto soccorso ai sensi del D. Lgs. n. 626/94 ed abbiano svolto obbligatoriamente la formazione in situazione (poi D. Lgs. n. 81/2008). Pertanto, la presente circolare intende disciplinare le azioni da intraprendere nel caso in cui gli alunni debbano assumere dei farmaci in orario scolastico.

Soggetti e destinatari  

Oggetto della presente comunicazione è la somministrazione di farmaci e di specifiche attività a supporto di alcune funzioni vitali a bambini e ragazzi che, affetti da patologie, abbiano tali necessità in orario e ambito educativo, scolastico e formativo. I farmaci a scuola potranno essere somministrati agli studenti solo nei casi autorizzati dai genitori, fermo restando che la somministrazione potrà avvenire in caso di assoluta necessità (farmaco indispensabile o salvavita) durante l’orario scolastico, in considerazione dell’idoneità dei locali scolastici alla somministrazione e conservazione del farmaco e previa disponibilità dei docenti e/o del personale A.T.A formati. I docenti e il personale ATA, invitati dal Dirigente Scolastico a dichiarare la propria disponibilità alla somministrazione di tale tipologia di farmaci e, quindi, alla formazione in situazione, saranno specificamente formati dalla ASL in merito a quanto attinente al piano terapeutico. Nelle more della formazione dei docenti o in assenza di disponibilità di questi ultimi, i genitori stessi o persona dagli stessi individuata e comunicata formalmente alla Istituzione scolastica, possono accedere ai locali scolastici per la somministrazione dei farmaci, previa autorizzazione del Dirigente Scolastico. È compito della famiglia comunicare tempestivamente e documentare adeguatamente al Dirigente Scolastico, secondo le procedure indicate nella presente comunicazione, la necessità di somministrazione di farmaci e/o di svolgere attività a supporto di alcune funzioni vitali e/o della modifica o della sospensione del trattamento. È compito della famiglia fornire il farmaco, verificarne la scadenza e l’integrità con la sostituzione di nuovo farmaco. Nel caso di passaggio di ciclo oppure di trasferimento in corso d’anno ad altra scuola, o ad altro Comune/Provincia, è compito della famiglia informare la Scuola che accoglie il bambino o il ragazzo.

Procedura

 La somministrazione di farmaci in orario scolastico e nei locali scolastici deve essere: 1.formalmente richiesta dai genitori degli alunni o dagli esercitanti la potestà genitoriale; la richiesta sarà corredata di certificazione medica con attestazione per la somministrazione dei farmaci nei locali e in orario scolastico e del piano terapeutico. Il Dirigente Scolastico, una volta ricevuta la richiesta della famiglia, verifica:
  • la fattibilità di attuazione della richiesta (ambienti, attrezzature, ecc.);
  • la disponibilità del personale dietro richiesta di manifestazione da parte del Dirigente Scolastico;
  • l’esigenza di formazione specifica. Il Dirigente Scolastico prenderà i contatti con l’ASL per richiedere la formazione.
In seguito:
  • convoca la famiglia, a tutela della privacy, per il consenso scritto sull’informazione data agli studenti e al personale interessato, sul locale dove si assisterà l’alunno, sulla conservazione del farmaco. In tale consenso la famiglia viene avvisata che l’organizzazione complessiva può essere limitata in particolari tempi dalla possibile assenza del personale dichiaratosi disponibile e quindi incaricato della somministrazione: al verificarsi di tali evenienze sarà contattata la famiglia per procedere alla soluzione contingente.
  • Il Dirigente Scolastico, il medico, il personale resosi disponibile e i genitori stenderanno il PIP (Piano di Intervento Personalizzato);
  • il genitore firmerà il verbale di consegna del farmaco in segreteria;
  • il personale formato potrà procedere alla somministrazione del farmaco attenendosi alle indicazioni piano terapeutico e del PIP Piano di Intervento Personalizzato.

Auto somministrazione   

La norma prevede l’autosomministrazione dei farmaci per casi specifici riguardanti alunni di età inferiore ai 14 anni, d’intesa con l’ASL e la famiglia. A tale scopo, l’autorizzazione medica dovrà riportare, oltre agli altri punti richiesti, anche la dicitura che: “il minore può auto-somministrarsi la terapia farmacologica sorvegliato dal personale della scuola”. L’autorizzazione dei genitori all’auto-somministrazione deve essere presentata per iscritto con assunzione di responsabilità anche in merito all’autonomia di conservazione del farmaco (nello zaino dell’alunno).

Luogo fisico idoneo per la conservazione e la somministrazione dei farmaci

Il docente fiduciario di plesso propone al Dirigente scolastico i luoghi fisici idonei per:
  • la conservazione (di norma l’armadietto dei medicinali che deve essere chiuso a chiave);
  • la somministrazione o l’autosomministrazione dei farmaci. La somministrazione di farmaci mediante aghi deve avvenire in un luogo appartato, anche per garantire l’incolumità dei compagni.
  • I genitori firmano l’assenso alla conservazione e alla somministrazione nei luoghi individuati.

Durata della terapia/attività a supporto di alcune funzioni vitali

L’autorizzazione per la somministrazione di farmaci in orario scolastico deve contenere anche l’indicazione della durata dell’intervento, che può essere fatta per un periodo predefinito o a lungo termine, secondo l’indicazione del medico curante. La certificazione medica, presentata dai genitori, ha validità per l’anno scolastico in corso e va rinnovata ad inizio di ogni anno scolastico ed in corso dello stesso, se necessario. Si ricorda che a fine anno scolastico sarà opportuno stilare un verbale per l’avvenuta riconsegna del farmaco da parte della scuola ai genitori.

Modifiche o sospensione della terapia

In caso di modifiche dell’intervento (posologia/modalità di somministrazione.) o di sospensione della cura e a seguito di nuova prescrizione del medico curante, la famiglia deve fornire tempestivamente tale informazione insieme alla prescrizione del medico curante, affinché sia predisposta nuova autorizzazione di modifica o di sospensione da trasmettere alla Scuola.

Partecipazione a uscite didattiche e/o visite scolastiche

La somministrazione del farmaco autorizzata in orario scolastico deve essere garantita durante le uscite didattiche, le visite e le gite scolastiche secondo modalità organizzative da concordare dai docenti direttamente coinvolti con il Dirigente Scolastico e con la famiglia.

Gestione delle emergenze

Resta prescritto il ricorso al Sistema Sanitario Nazionale di Pronto Soccorso nei casi in cui si ravvisi l’inadeguatezza dei provvedimenti programmati per i casi concreti presentatisi, ovvero qualora si ravvisi la sussistenza di una situazione di emergenza.

Non disponibilità del personale della scuola  

Qualora nell’edificio scolastico non siano presenti locali idonei, non vi sia alcuna disponibilità alla somministrazione da parte del personale, o non vi siano i requisiti professionali necessari a garantire l’assistenza sanitaria, il Dirigente scolastico può procedere, nell’ambito delle prerogative scaturenti dalla normativa vigente in tema di autonomia scolastica, all’individuazione di altri soggetti istituzionali del territorio con i quali stipulare accordi e convenzioni. Nel caso in cui non sia attuabile tale soluzione, il Dirigente scolastico può provvedere all’attivazione di collaborazioni, formalizzate in apposite convenzioni, con i competenti Assessorati per la Salute e per i Servizi Sociali, al fine di prevedere interventi coordinati, anche attraverso il ricorso a Enti e Associazioni di volontariato (es.: Croce Rossa Italiana). In difetto delle condizioni sopradescritte, il Dirigente Scolastico è tenuto a darne comunicazione formale e motivata: a.ai genitori o agli esercitanti la potestà genitoriale; b.al Sindaco del Comune di residenza dell’alunno per cui è stata avanzata la relativa richiesta.

Gestione dell’emergenza

Nei casi gravi e urgenti non ci si può esimere dal portare il normale soccorso ed è obbligatorio, comunque, fare ricorso al 118 avvertendo contemporaneamente la famiglia. NON SONO AMMESSE DEROGHE ALLE PROCEDURE INDICATE.  In Allegato: (Gli allegati sono scaricabili dal sito web istituzionale- sezione “Modulistica”)  
  • ALLEGATO 1 Certificazione medica con attestazione per la somministrazione dei farmaci nei locali ed in orario scolastico e Piano Terapeutico; 
  • ALLEGATO 2 Richiesta di somministrazione farmaci nei locali ed in orario scolastico; 
  • ALLEGATO 3 Verbale di consegna alla Scuola del farmaco; 
  • ALLEGATO 4 Disponibilità del personale alla somministrazione;
  • ALLEGATO 5 Richiesta di formazione specifica all’ASL.
 

                                                     IL DIRIGENTE SCOLASTICO                                                    Prof.ssa Antonietta Cembalo

                                                Firmato digitalmente

Visualizza la circolare sul sito

Allegati

Link vai su